Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP

www.foodpackautomation.it
Leuze IT

" Crescita vuol dire cambiamento "

Abbiamo intervistato Ulrich Balbach, CEO del gruppo Leuze electronic, sulle sfide e le opportunità della pandemia, la nuova legge sulla supply chain e l'impegno costante dei Sensor People. Leuze è un esperto internazionale di sensori per la tecnologia dell'automazione con sede a Owen/Teck nella Germania meridionale. Nel 2020, il fatturato dell'azienda a conduzione familiare con più di 1.400 dipendenti è stato di circa 211 milioni di euro. Dare attivamente forma al cambiamento è una priorità assoluta per tutti i Sensor People della Leuze.

 Crescita vuol dire cambiamento

Signor Balbach, la pandemia di coronavirus ha scatenato una crisi economica? E se sì, qual è la sua valutazione della volontà delle aziende di investire?

Ulrich Balbach: No, la pandemia è soprattutto una crisi sanitaria. L'obiettivo è quello di proteggere le persone, e per una buona ragione. Gli attuali ritardi della supply chain sono la prova che non c'è una crisi economica, i registri degli ordini sono pieni e le aziende lavorano. La crisi del coronavirus non è la stessa situazione del 2008/2009. I nostri clienti stanno dimostrando un'elevata disponibilità a investire. Più alta che mai, in realtà. Noi forniamo aziende di ingegneria meccanica e siamo in una buona posizione per valutare la situazione. Naturalmente, bisogna distinguere tra UE, Asia e USA. Ci sono delle differenze.

...quindi Leuze non ha messo i freni?

Al contrario! Siamo andati a tutto gas, soprattutto nello sviluppo e nelle vendite. Ecco perché, oggi, possiamo presentare nuovi ed entusiasmanti prodotti.

Non siete affatto colpiti dalla carenza di componenti?

Naturalmente, anche noi sentiamo la carenza. La supply chain è molto importante. Ecco perché abbiamo fatto uno sforzo fin dall'inizio per rimanere in contatto con i fornitori e garantire una fornitura continua. Alcuni componenti sono critici per il sistema. Per esempio, forniamo parti per l'analisi del sangue, che è molto importante di questi tempi. Ma, naturalmente, ci sono anche molte situazioni estreme in alcuni settori. Prendiamo l'industria automobilistica, per esempio, che sta affrontando anche un cambiamento tecnologico in termini di un nuovo powertrain. Quindi le supply chain sono state interrotte a volte. Ho sempre sottolineato che devono essere alimentate e gestite.

I limiti della globalizzazione stanno diventando evidenti? Soprattutto l'industria automobilistica e l'industria tessile stanno esternalizzando molto.

Per ora, la globalizzazione è una buona cosa per le medie imprese in Germania. Per noi, il volume degli ordini in Asia è aumentato di oltre il 100% in alcuni casi. Pensateci un attimo! Questo salva posti di lavoro. Ma a proposito di esodo: perché l'intera industria elettronica si sta spostando in Asia? E prima ancora, perché l'industria tessile si è insediata lì? Secondo me, non è solo a causa del minor costo del lavoro. Questa è solo la percezione del pubblico. Un'altra ragione è il fatto che la produzione lì è sempre stata più economica in termini di protezione ambientale. Questo riguarda l'industria tessile con le sue acque di scarico o la fabbricazione di circuiti elettronici, che non è solo un lavoro tecnicamente difficile, ma anche ecologicamente rilevante. Per me, è ovvio che dobbiamo lavorare all'interno della struttura, e che la sostenibilità può essere un tipo di indicatore, soprattutto alla luce della legge sulla supply chain: Dobbiamo prestare molta attenzione a dove, da chi e come vengono prodotti i nostri circuiti elettronici.

La legge sulla supply chain entrerà in vigore nel 2023 per le aziende con più di 3000 dipendenti e un anno dopo per le aziende delle dimensioni di Leuze. Siete preparati a questo? C'è qualcosa che non vi piace?

Per rispondere prima alla tua ultima domanda: Sì, l'estremo sforzo amministrativo, come il database SCIP, è esasperante. Per esempio: Ogni pezzo tornito ha al suo interno minuscole parti di piombo, altrimenti non può essere tagliato. Quando ci procuriamo queste parti o le usiamo nei nostri prodotti, dobbiamo tenere un registro. E lo facciamo, naturalmente, ma è estenuante. D'altra parte, ci fa pensare ancora di più alla supply chain, il che, a sua volta, ha senso. Questo significa avere a che fare con il lavoro minorile in Indonesia o in Thailandia e con i regolamenti ambientali che possono esistere o meno in quei paesi. Nel contesto delle supply chain, la globalizzazione fa pensare alla profondità del valore aggiunto, mentre si deve rimanere competitivi allo stesso tempo.

Gran parte della nuova legge riguarda l'ambiente. Quali passi concreti sta facendo Leuze, specialmente nella sede principale di Owen?

La nostra massima priorità è quella di diventare CO2 neutrale entro la fine del prossimo anno. Siamo sulla buona strada per raggiungere questo obiettivo. Stiamo anche pianificando di mettere delle stazioni di ricarica a disposizione dei nostri dipendenti e ospiti. Inoltre, stiamo generando la nostra energia solare sul tetto del nostro nuovo grande centro logistico, e abbiamo anche le nostre centrali idroelettriche. Oltre a questo, stiamo offrendo ai dipendenti programmi come "Jobrad" (andare al lavoro in bicicletta). Quindi stiamo facendo molto e ci stiamo assumendo delle responsabilità. E come azienda internazionale, la responsabilità non si ferma a Owen. Essere senza CO2 nel proprio stabilimento locale non è sufficiente.

La WirtschaftsWoche ha nominato Leuze leader di mercato - come fa un'azienda a raggiungere questo risultato?

Non è stata una ricerca consapevole da parte nostra. Siamo semplicemente impegnati nel nostro motto "Creare trasformazione". Già nel 1998, quando ho iniziato alla Leuze, questa volontà di trasformazione era tangibile. Impegnarsi e portare il cambiamento è una cosa importante alla Leuze e fa parte del nostro successo.

... il fatturato è una conseguenza di questo. Quali sono le cifre attuali della Leuze?

I numeri sono in forte aumento: L'ingegneria meccanica tedesca, per esempio, è risorta dal crollo del 2020 ed è di nuovo al livello del 2019. C'è anche un'enorme crescita in Asia. Quindi, date queste circostanze, il 2021 è stato un buon anno per Leuze. Ci aspettiamo un aumento significativo delle vendite del 20-25% rispetto all'anno precedente.

Domanda finale: Come CEO di Leuze, quali sono le sue aspettative nei confronti del nuovo governo federale?

Preferibilmente lungimiranza e orientamento oggettivo, nonché un chiaro processo decisionale, in modo da avere un quadro che ci permetta di coordinarci meglio in futuro. Mi piacerebbe anche vedere più politica estera: I confini dello stato federale del Baden-Württemberg, della Repubblica Federale e dell'Europa non devono essere considerati come un limite. Per esempio, perché non siamo in grado di concordare con la Cina regole di quarantena ragionevoli per i passeggeri in arrivo? Questioni come queste devono essere risolte dai politici.

Grazie, Mr. Balbach.

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP